Monumento davanti Comune di Tortona

Foto

Carissime/i Volontarie e Volontari,
nella mattina del 6 ottobre scorso, Tortona ha visto due importanti eventi: il ricordo delle vittime del Covid e il ringraziamento dell'Amministrazione comunale a tutti coloro che hanno prestato il loro aiuto in quei tragici momenti della pandemia.
Cosa dirvi di più dei tanti elogi e riconoscimenti che avete ricevuto e a cui, naturalmente, mi associo?
Già quando è stato scoperto e benedetto il Memoriale, ho sentito un certo batticuore; poi vedere Sala Romita gremita di volontari, dei rappresentanti delle Associazioni, delle Autorità civili e religiose, delle Forze dell'Ordine, mi ha fatto riaffiorare tanti ricordi, che forse avrei voluto spingere dentro di me per dimenticare, ma che non possono né devono essere dimenticati.
E allora vorrei brevemente richiamare gli eventi che abbiamo vissuto e condividere con voi l'emozione di averli affrontati insieme e fatti diventare occasione di crescita personale e di tutta la Comunità.
Il momento che per primo ci ha fatto capire la vera realtà è stato trovare una mattina (era il 4 marzo 2020) l'ospedale chiuso e sentire quella voce al megafono che ne spiegava il motivo.
Il pensiero è corso subito al personale che non poteva uscire, agli ammalati che dovevano essere evacuati, a quelli che, a causa dell'emergenza, avrebbero patito disagi, a quelli che sarebbero arrivati...
Ed ancora la voce: "c'è bisogno di tutti ora, medici, infermieri, impiegati, ma anche di tanti, tanti volontari".
E poi quel continuo via vai delle ambulanze, con le loro sirene che rompevano il "rumoroso" silenzio del lockdown.
Quel silenzio che si contrapponeva al frenetico lavoro che si stava svolgendo nel Palazzo Comunale, dove in men che non si dica era stata istituita l'Unità di Crisi. Ma come far fronte a tutte le richieste dei cittadini in quella situazione caotica e drammatica a cui non si era preparati? chi chiedeva di rintracciare il proprio caro, chi di consegnare al parente ricoverato le cose indispensabili, chi aveva bisogno della spesa perché anziano o solo, chi non poteva fare la spesa perché aveva perso il lavoro, chi aveva bisogno di medicine urgenti, chi semplicemente chiedeva conforto.
Una emergenza a cui non si sarebbe potuto far fronte se non ci fosse stata la solidarietà e la generosità dei volontari: ad ogni chiamata la risposta è stata pronta, immediata.
Si è lavorato insieme senza distinzione di età, ceti sociali, colori politici, credo religioso, ma tutti mettendo a servizio degli altri le proprie competenze e con l'unico obiettivo di aiutare chi era in difficoltà.
Ci siamo sentiti supportati e valorizzati dagli operatori professionali (assessori e dipendenti comunali, polizia municipale, altre forze dell'ordine) anch'essi impegnati ben al di là del dovere richiesto dal ruolo.
Vorrei accomunare volontari, cittadini, enti e istituzioni in un unico grande GRAZIE!
E, richiamando il senso del Memoriale, vorrei condividere l'augurio di rinnovare lo spirito di sacrificio, l'entusiasmo e la dedizione per affrontare, dopo il Covid, le altre sfide che già abbiamo davanti per "rinascere ogni giorno".
Presidente Consulta Volontariato Tortona
Pia Camagna

Volontariato Covid

Foto

La Associazione ha sempre aiutato economicamente i pazienti e le famiglie che oltre ai problemi portati dalla malattia abbiano anche problemi economici,

Nel periodo di blocco lavorativo legato all'emergenza Covid i nostri volontari in collaborazione con la Consulta delle associazioni volontariato di Tortona, il mercato della Solidarietà, il Comune di Tortona , i ragazzi del Servizio civile ed altre associazioni di Volontariato hanno continuato a lavorare per dare aiuto a tutte le famiglie che avevano difficoltà a recuperare la spesa giornaliera.

Tramite i fondi del Mercato della solidarietà e la raccolta della Spesa Solidale presso i supermercati venivano realizzati acquisti di alimentari (nella foto il carico del nostro mezzo) che poi venivano suddivisi per ogni famiglia che avesse richiesto aiuto. I pacchi, per evitare assembramenti, venivano poi trasportati davanti alle abitazioni delle famiglie.

I nostri volontari hanno eseguito anche il controllo temperatura presso accesso esterno ospedale e hanno raccolto le spesa solidale davanti ai supermercati.

Un particolare ringraziamento ai nostri volontari particolarmente attivi in questa iniziativa: Andrea, Armando, Caterina, Donatella, Enrica, Giuliano, Francesco, Lucia, Manuela, Pia , Rosaria, Silvia.....

Lettera su Ospedale Tortona della Dottoressa Camagna

Lettera al giornale - Dott.ssa Pia Camagna, Vice Presidente Associazione Enrico Cucchi per le Cure Palliative.
Egregio Direttore,
le chiedo ospitalità sul giornale per condividere sentimenti e riflessioni sugli ultimi avvenimenti che hanno riguardato al sanità locale.
Marzo 2020 – Tortona Covid Hospital, Novembre 2020 – Tortona Covid Hospital. Due date che rimarranno impresse nella memoria di tutti, due date che per noi tortonesi hanno anche il sapore amaro della sconfitta, della presa in giro da parte di chi aveva fatto tante promesse.
In una, come me, che ha frequentato il "bell'ospedale" di Tortona, dai tempi dell'università a dopo il pensionamento, come volontaria, sentimenti di paura, angoscia si susseguono e li vivo come cittadino e come medico, dapprima anestesista, in seguito palliativista. Comprendo bene le difficoltà dei colleghi oggi sul campo, spesso soli e con poche risorse, nell'affrontare una malattia sconosciuta, molte volte vincitrice sugli sforzi di cura. Soprattutto mi opprime il pensiero che questi malati devono affrontare la malattia – e spesso la morte – in solitudine, forzatamente lontano dai loro familiari, altrettanto provati da questa lontananza fisica. Mai come in questo momento mi sto rendendo conto di quanto siano importanti le Cure Palliative. Io le ho "incontrate" nel 1992 quando, con altri medici e infermieri, abbiamo costituito l'Associazione Volontari per le Cure Palliative, che in seguito si chiamò Enrico Cucchi, uomo di notevole generosità ed umanità, calciatore di gran nome e spiccato talento, che ci lasciò nel pieno della sua giovinezza e che da allora è l'esempio a cui si ispira l'Associazione. L'OMS nel 1990 così le definiva: l'assistenza (to care) globale, attiva di quei pazienti in cuoi la malattia non risponda ai trattamenti curativi (to cure). I nostri "maestri" ci dicevano che il malato deve essere messo al centro e con lui la sua famiglia. Avevo una vaga idea di cosa volesse dire, ma via via l'ho compreso nel mio percorso di assistenza (da adsistere cioè stare accanto). Ho capito ed imparato che le cure palliative sono un nuovo modo di operare e di prendersi cura, non solo una branca della medicina, ma un fatto anche culturale, filosofico. Si passa dal considerare la malattia al considerare il malato, dal guarire al curare, dal curare al prendersi cura, dalla durata della vita alla qualità della vita, dall'auscultare all'ascoltare. E' un ritorno alla medicina di cura, che non è una scoperta di oggi, perché già Ippocrate (460-370 a.C.), il padre della medicina, consigliava di "Osservare tutto e studiare il paziente più che la malattia", come il filosofo e medico ebreo Mosè Maimonide (1135-1204 d.C.) che alternava: "C'è una regola generale e ho visto grandi medici operare con quella, ed è che il medico non deve trattare la malattia ma il paziente che soffre". Il percorso di assistenza (in senso etimologico) e di accompagnamento è venuto meno ai malati di Covid e non Covid ed ai loro familiari: tanti soffrono, tanti muoiono da soli, nonostante il prodigarsi del personale sanitario. Che periodo difficile per i nostri volontari, il cui principale obiettivo è quello dello "stare accanto"!. I giorni passano inesorabili, i contagi corrono, i malati aumentano, le persone muoiono, gli ospedali e le terapie intensive sono piene, la sanità è al collasso: ansia, collera, sensazione di impotenza ci pervadono. Ma forse è proprio questa l'ora in cui fare appello a tutte le nostre forze morali e a tutte le nostre risorse materiali. L'Ospedale è una di queste, anzi è tra le più importanti, perché è un "bell'ospedale", in tutti i sensi, sia come struttura che come tradizione sanitaria. Voglio pensare che la regione lo abbia scelto, per ben due volte, come Covid Hospital proprio per le sue caratteristiche e voglio credere che, quando questa epidemia cesserà, il nostro "bell'ospedale" sarà finalmente considerato tale anche dai decisori della politica sanitaria regionale e sarà valorizzato come ha meritato e merita. Ho ricordato il passato con nostalgia, per la delusione di questo triste presente, ma guardo al futuro ancora con fiducia. La croce, all'ombra della quale torniamo a seppellire i tanti morti di questi giorni, è sempre illuminata dalla luce della speranza.

In tempo di Covid si calendarizza..

Foto

Il 2020 se n'è andato portandosi dietro un carico di dolore, di tristezza, di paure. Ma la nostra Associazione non si è mai fermata cercando di essere sempre vicina e di aiutare le persone bisognose di cure. E per dare un segno di speranza con il gruppo Era Glaciale, composto sempre da nostri volontari, ha creato IL CALENDARIO 2021, distribuito anche con la collaborazione di alcuni commercianti tortonesi. Le offerte raccolte hanno permesso l'acquisto di ben 50 materassini antidecubito monouso e di quattro carrozzine indispensabili per garantire la miglior qualità di vita possibile. A tutti coloro che ci hanno aiutato va il nostro caloroso GRAZIE.

Per rispettare le normative vigenti sono state realizzate foto dei singoli attori ricomposte ed elaborate in laboratorio

Come sostenerci

Per sostenere l'Associazione basta effettuare un versamento sul conto corrente bancario:

42224473

c/o BPER Banca - Sede di Tortona piazza Duomo

IBAN IT 31 H 05387 48670 0000 4222 4473

Se vuoi destinare il 5 per mille nella prossima dichiarazione dei redditi, metti la tua firma nell'apposito riquadro "Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative.." e scrivi il numero di Codice fiscale della Associazione:
94012020064


ATTENZIONE
L'Associazione non effettua la raccolta fondi "porta a porta", cioè non ha incaricati che vanno di casa in casa a raccogliere contributi. Nel caso dovesse succedere, stanno tentando di truffarvi.
Denunciate subito la truffa chiamando la polizia (113) o i Carabinieri (112) e l'Associazione.

Le raccolte fondi ed i banchetti informativi che potete trovare in strada sono sempre segnalati in anticipo con articoli sulle pubblicazioni locali e sul nostro sito.